il Blog

Gli “insospettabili fragili”

scritto da: D.ssa Monica Bossi
Medico chirurgo, specialista in Medicina Interna, Medicina Olistica e Omeopatia, Nutraceutica e Nutrizione Biologica. Docente universitaria in PNEI e Medicina Integrata e Preventiva.

Un “concetto” che vale in molti campi – della sfera fisica a quella psichica – ma, in questo caso, mi soffermerò sull’evidenza, che, insospettabilmente, il nostro sistema immunitario non è così forte come spesso diamo per scontato.

La maggior parte delle persone sono fragili

O meglio – precisiamolo – il nostro sistema immunitario non solo è potenzialmente forte ma, nella sua complessità, è persino impeccabile! Questo quando “lo lasciamo fare”. Il nostro stile di vita quotidiano, però, comprensivo di quello alimentare, della modalità di stressarci ed emozionarci, di riposare, e di abitudini farmacologiche condizionanti, rende in realtà assai probabile che la maggior parte delle persone che vediamo intorno a noi siano, di fatto, fragili dal punto di vista immunitario.

Questo spiega non solo il perché del numero sempre più o meno elevato o costante di contagi (che comunque non dovrebbe far paura perché non si tratta di malattia ma solo di “presenza di virus” e quindi di reclutamento del sistema immunitario di quell’organismo per combatterlo), ma anche, e soprattutto, il motivo della grave sindrome polmonare o del decesso di quel nostro vicino di casa che:  «Guarda, sembrava in salute o non aver assolutamente alcun problema. Invece… era insospettabilmente molto fragile!».

Gli “Insospettabili fragili ” del sistema immunitario, dunque, sono coloro che:

1. Hanno già in corso un ingaggiamento del Sistema Immunitario perché affetti da malattie croniche (in questo caso parte del sistema immunitario è impegnato su un’altra via e risulta perciò inefficace nel momento del reclutamento per sconfiggere quel virus):

  • Più grossolane: broncopneumopatie croniche, asma non controllata, cardiopatie, malattie tumorali.
  • Meno grossolane e a pochi conosciute: sindrome da reflusso gastro esofageo con laringite secondaria, faringiti croniche (anche da fumo) o sinusiti o bronchiti croniche, gastriti croniche e situazioni disbiotiche intestinali gravi e persistente associate a malattie croniche infiammatorie intestinali. Si è visto, infatti, che una porta di ingresso (e di diffusione) del Covid19 sono proprio queste mucose: più saranno integre e “pulite” da eventi infiammatori, più saranno resistenti all’attacco virale.
  • Assai poco conosciute come in primis il diabete (basta il rilievo di elevati e persistenti valori di HB glicata a definire lo stato infiammatorio cronico silente!) e la sindrome metabolica: alcuni tipi di sovrappeso, come quello viscerale addominale e di obesità si associano a uno stato infiammatorio cronico con precoce rialzo di insulina e/o cortisolo con secondari effetti sull’organismo in generale, su quello metabolico e vascolare, ormonale e immunitario. 

2. Hanno già in corso un ingaggiamento del Sistema immunitario in senso di già attivata cascata infiammatoria o citochinica: le citochine sono i messaggeri specifici per il reclutamento di questa o quella cellula del sistema immunitario. La loro attivazione, a prescindere o in modo continuativo senza che vi sia un innesco microbico (batterico, virale o parassitico) specifico (!), fa in modo che l’espressione infiammatoria, una volta ingaggiata nuovamente (ad esempio di fronte a un virus Covid19), avrà delle manifestazioni e conseguenze esponenziali (e virerà da semplice contagio a malattia o da malattia a decesso, a prescindere che la dose infettante del virus sia alta o bassa!). Insomma… è come spargere benzina sul fuoco!

È il caso di:

  • Tutte le malattie del metabolismo di cui sopra (diabete, sindrome metabolica).
  • Situazioni infiammatorie croniche nascoste dall’uso incongruo di farmaci: paracetamolo 1000 mg per spegnere una febbre (in questo caso si spegne un sintomo potenzialmente salvifico nel debellare l’agente microbico come, appunto, la febbre); anti infiammatori per placare il dolore (che molte volte ha origine infiammatoria viscerale e non somatica o articolare. In questo caso, dunque, sedare il sintomo non ci permette di andare all’origine del problema e fare la diagnosi di patologia infiammatoria sottostante, che, di conseguenza, diventa poi cronica).
  • Situazioni infiammatorie per la componente allergica del sistema immunitario (sarà spiegato meglio in un altro mio post): orticaria cronica “sine causa”, stati asmatici cronici ostruttivi (non allergici). In questi casi, rispettivamente, vi può essere un reclutamento del sistema immunitario-allergico o delle vie respiratorie bronchiali su base emotiva.
  • Situazioni infiammatorie legate allo stile alimentare: non solo il “grossolano” – e noto a tutti – “cibo spazzatura” ma, soprattutto, i più nascosti alimenti troppo sofisticati o raffinati e ricchi in sostanze infiammatorie che rappresentano lo stimolo quotidiano a una infiammazione cronica silente, sia per un effetto infiammatorio diretto del cibo sia per il suo stimolo di infiammazione del microbiota intestinale o di altre vie di “accensione” del sistema immunitario (con produzione di citochine contro-producenti per la salute).

Perdere la capacità di prendersi cura di sé

La maggior parte delle persone che vediamo camminare attorno a noi, dunque, come conseguenza della “comodità” di un modo di mangiare che risponde a ritmi troppo frenetici o a situazioni di stress emotivo, perde la capacità di prendersi cura di sé e porre la giusta attenzione sul proprio stato di salute (sensazione fisica, psichica e emotiva). 

Queste persone tendono ad accumulare peso a livello addominale o a non percepire la sensazione di perenne gonfiore addominale, stanchezza fisica rallentamento psichico associato e – nonostante avvertano i sintomi infiammatori dell’apparato respiratorio o digerente – tendono a lasciar correre, magari nascondendo il tutto con l’ausilio di anti-infiammatori. In parole povere, perdono la capacita di ascoltarsi e percepirsi, dando per scontato che questa (indipendentemente dall’età!) sia la “normalità”.

Questo fa in modo che, a qualsiasi età (anche giovanile), il sistema immunitario sia perennemente impegnato e senza averne reale cognizione (proprio perché, appunto, incapaci di ascoltarsi e percepirsi), con il risultato di renderlo inefficace al momento opportuno (quando, ad esempio, arriva un virus nuovo che, molto probabilmente, non è tanto aggressivo ma per il quale, in quel momento, non abbiamo difese efficaci perché impegnate su un altro campo di battaglia).

Credo sia fondamentale che arrivi a tutti un messaggio importantissimo: un adeguato stile di vita ha un impatto essenziale sul nostro sistema immunitario. La sua efficacia, infatti, fa la differenza nel renderci sani o fragili.

potrebbe interessarti anche…

Facciamo ordine: CONTAGIATO NON SIGNIFICA MALATO

Facciamo ordine: CONTAGIATO NON SIGNIFICA MALATO

Il termine CONTAGIATO implica che un soggettto ha contratto un infezione per modalità diretta o indiretta. In caso del nuovo coronavirus pandemico (19 ,detto anche Sars-CoV2 perché potenzialmente capace di indurre una malattia specifica chiamata Sindrome Severa Acuta Respiratoria 2) , le vie di diffusione da persona a persona sono: Dirette: attraverso la saliva e le […]

leggi tutto

iscriviti alla newsletter

per essere sempre aggiornato sugli ultimi articoli pubblicati nel nostro Blog

Come funziona la visita online via Skype

L’analisi biotipologica improntata sulla raccolta anamnestica, l’individuale modalità di vivere quotidianamente (attività fisica, abitudini alimentari, modalità di stressarsi) e le fattezze fisiche specifiche, è un possibile strumento di medicina preventiva da farsi anche on-line. Corredata dalla prescrizione personalizzata di esami (metabolico, ormonali, immunitari, nutrizionali o genetici) che, rivalutati dallo specialista in un secondo tempo, permettono l’impostazione di un corretto stile di vita o l’integrazione terapeutica finalizzata alla prevenzione o al riequilibrio della salute.

Prenota una visita o chiedi maggiori informazioni

invia una mail a:
ambulatorio.drbossi@qualisvitae.it
oppure contattaci al numero
+39 348 7943523

Share This